Con il sostegno di:



Con il patrocinio di:





Main sponsor:

Sponsor:

Benvenuti a Cala Lenta

CALA LENTA – Cos’è

“Cala Lenta” è un’iniziativa che Slow Food Lanciano propone con cadenza biennale  in luglio, dedicata al mare, e in particolare a quel tratto di litorale Adriatico che copre l’intera provincia di Chieti sul quale oggi incombe il pericolo di trivellazioni.

L’evento nasce dalla volontà di promuovere e sostenere una nuova cultura ambientale ed alimentare, valorizzando le specie ittiche dell’Adriatico con particolare attenzione al pesce azzurro e la piccola pesca, quale esempio di sviluppo sostenibile e rispettoso dell’ambiente, promuovendo le meraviglie paesaggistiche della cosiddetta “Costa dei Trabocchi”, le antiche macchine da pesca care anche a D’Annunzio.

Il programma, spalmato su tre giornate e che sarà nostra cura inviare al più presto, coinvolge tutti i centri della costa secondo un modello “diffuso”, anche se il cuore è  l’antico borgo di San Vito Chietino, che ospiterà incontri, convegni, laboratori e mercato del gusto, show cooking con grandi chef; insomma, anche quest’anno il progetto, avviato nel 2004, si pone l’obiettivo di portare all’attenzione del grande pubblico le problematiche legate alla salvaguardia del mare e dello straordinario patrimonio naturale e gastronomico della costa teatina attraverso un programma ricco e articolato.

L’obiettivo è raccontare uno straordinario tratto di costa abruzzese e con esso stimolare dibattiti ed iniziative per far crescere il territorio in termini di sviluppo sostenibile. Un volano per lo sviluppo di pesca, agricoltura ed attività connesse, ma anche un modo per portare in primo piano le migliori produzioni agroalimentari che l’Abruzzo è in grado di esprimere. Tutela dell’ambiente, delle acque, delle politiche sostenibili del mare e il consumo responsabile di pesce sono solo alcune delle tematiche che saranno affrontate a Cala Lenta, nata nel 2004 come viaggio nel territorio abruzzese attraverso cui far emergere storie, talenti e idee per ripensare in chiave moderna lo sviluppo sostenibile di un lungo tratto di costa. Senza dimenticare la storia e le origini, simbolizzate da quei trabocchi che sono stati fino agli ‘60 il pezzo forte della micro economia del luogo.